Sunset Boulevard (fm)

ott 5, 2012   //   by Francesca   //   Articoli e Recensioni, Un'opinione su...  //  No Comments

E vorrei scrivere due parole anch’io sul ritiro di Shumi, io che non sono mai stata una sua tifosa, io che, innamorata della Rossa, ho sempre detto “ha vinto la Ferrari” perché di chi ci stava dentro poco o nulla mi importava.

Non nego di avere avuto e avere anch’io le mie simpatie, ma sono passeggere, mutano col mutare delle casacche perché Lei sola è la Regina, e solo per Lei sono i palpiti del cuore. Non mi piaceva Shumi quando era il Kaiser indiscusso e indiscutibile, al punto da perdonargli anche l’imperdonabile. E non ho mai avuto dubbi sull’attribuzione del maggior merito nella vittoria, fra lui e Lei la tenzone era impari. Il pilota è un accessorio, di lusso, ma pur sempre un accessorio.

Eppure è triste questo viale del tramonto che mostra un lato umano e per certi versi fragile, che forse egli stesso non si attribuiva e che lo accomuna a certe stelle di celluloide del passato.

L’impossibilità di accettare il mutare delle stagioni, quell’attaccamento, quell’amore, ché in altro modo non si può chiamare, così forte da risultare totalizzante e perfino irragionevole, a un mondo autarchico e sublime chiuso nel microcosmo di un circuito. Di più, compresso nello spazio angusto di un cockpit.  Così totalizzante che non è la gloria, non sono le vittorie, né gli applausi a mancare: è proprio quella vita, l’emozione di calare la visiera, di respirare un’aria chimica e aspra,  la tensione dell’attesa, l’adrenalina della gara, l’eccitazione del duello e l’esaltazione del primato sia pure quello effimero di un tempo sul giro o di un sorpasso.

Lo capisco. Lo capisco adesso che, sceso dal trono e smesso il piglio, lasciatemelo dire, un po’ strafottente da superuomo, ha assaporato la sconfitta e il sarcasmo, e li ha ingoiati con un sorriso, ora sì, più vero anche se amaro.  

E se il suo mito ne è uscito un po’ sbiadito e appannato, male non fa. Consegna alla storia l’immagine di un uomo che ha amato al di là della convenzione e della convenienza quello che non è stato un mestiere, né uno sport, ma l’essenza stessa della sua vita.

(Francesca Montomoli)

pubblicato il 5/10/2012 su www.f1race.it

Lascia un commento


sei × 8 =

Cerca nel sito

Compra l’eBook !

Ultimi Tweet

Foto Gallery

67896_10200191275452971_1744075860_n1 Pappagalli Locandine... 2 buongiorno-al-giorno  Firenze - Lungarno del Tempio

Cerca per data

ottobre: 2021
L M M G V S D
« dic    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031


Ultimi aggiornamenti

Libri: La Fata nel vento e altri racconti in rosso – Edizioni della Goccia

La Fata nel vento e altri racconti in rosso – Edizioni della Goccia

  La Fata nel vento e altri racconti in rosso (Edizioni della Goccia – 140 pg) Prefazione di Alberto Sabbatini (Giornalista – già direttore di Autosprint e Auto) disponibile presso Edizioni [...]

Leggi tutto…



Poesie: 8 marzo

8 marzo

  Il vento muove i rami e la mimosa intorno spruzza qualche lacrima di cielo mentre il nero dipana in lenti stracci e l’azzurro intenso già traspare aria pulita di [...]

Leggi tutto…



Articoli: “singolare, femminile” – Ed. Il Foglio – recensione di Laura Costantini per goodreads.com

“singolare, femminile” – Ed. Il Foglio – recensione di Laura Costantini per goodreads.com

Una recensione a 5 stelle per la mia raccolta di racconti pubblicata su goodreads (piattaforma interamente dedicata ai libri e ai lettori) nel giorno della Giornata Internazionale della Donna del [...]

Leggi tutto…



Eventi: Premiazione Concorso di Poesia e Narrativa ” Nuovi Occhi sul Mugello” – 22 febbraio 2014 – Vicchio – Firenze

Premiazione Concorso di Poesia e Narrativa ” Nuovi Occhi sul Mugello” – 22 febbraio 2014 – Vicchio – Firenze

22 febbraio 2014 – Vicchio – Firenze Scrivere non è solo rappresentazione di  mondi altri o mezzo che raccoglie e veicola sentimenti ed esperienze frutto di realtà o di immaginazione, [...]

Leggi tutto…